Geofisica marina

I ricercatori INGV si occupano attivamente di studiare le interazioni tra geosfera, idrosfera e atmosfera in ambiente marino. In questo ambito l’INGV progetta, sviluppa e gestisce osservatori multiparametrici di fondo mare, sia cablati sia autonomi, per osservazioni di lungo termine in punti fissi, e strumentazione mobile classica come Ocean Bottom Seismometers/Hydrophones, partecipando anche alla realizzazione di prototipi. Tra i prototipi realizzati, l’osservatorio cablato NEMO-SN1 collocato a circa 25 km dalle coste della Sicilia orientale è divenuto uno dei siti di osservazione della infrastruttura Europea EMSO- European Multidisciplinary Seafloor and water column Observatory (www.emso-eu.org).

Sono studiati fenomeni e processi geofisici e geoambientali complessi che hanno luogo nel Benthic Boundary Layer (transizione fondale-colonna d’acqua).

La ricerca scientifica ruota principalmente introno ai temi:

  • indagini sismologiche, geomorfologiche, geochimiche e di tettonica attiva nel Mediterraneo
  • studio del rumore sismico a fondo mare
  • studio delle interazioni tra attività sismica e emissione di fluidi in aree marine
  • processo generazione tsunami
  • stima del sollevamento del fondo marino in aree vulcaniche
  • prospezioni magnetiche e gravimetriche in ambiente marino
Annunci